La solita minestra…

La solita minestra…

Forse servono leggi più severe, forse servono controlli più accurati…forse serve più buonsenso…forse!
Di fatto il volley femminile continua a riservare sorprese…non sempre belle!
Arriva la chiusura di Crema, si legge delle difficoltà economiche di Modena….e si sente dire che grazie ai controlli di metà stagione si è potuto correre ai ripari in tempo evitando campionati “drogati”.(???!!!)
Scusate ma non c’erano voci a riguardo, già prima che iniziasse il campionato?!
Io sono fuori dai giochi da qualche mese, ma dei rumors li avevo sentiti…e vi assicuro che non faccio uso di sostanze allucinogene!
Se c’è la crisi e gli sforzi economici richiesti sono troppi…perchè non ridimensionarsi?!
E parlo di tutti, giocatrici comprese!
Perchè non fare un campionato di transizione, senza retrocessioni, e permettere così che i Club non facciano mercato al di sopra delle proprie possibilità?
Per paura che il livello si abbassi?! Allora che ci siano regole severe, altro che 70%, punti di penalizzazione…o sei in regola o sei fuori!
E a rispondere non dovrebbero essere solo le società inadempienti, ma anche chi garantisce per loro!
Ma…In effetti..
Forse è meglio un campionato monco, con risultati falsati, tifosi illusi, giocatrici e tecnici  non pagati…infondo non è nulla di nuovo!
Niente a cui non si sia già preparati, la solita minestra insomma.
Quello che mi dispiace è che le giocatrici vengano giudicate per non essersi presentate ad una partita nonostante “gli impegni presi”….ma gli impegni presi nei loro confronti sono sempre stati rispettati???!!!
Giustamente io non facevo parte di quella squadra, le cose le ho apprese leggendole ma…purtroppo so benissimo cosa vuol dire allenarsi ogni giorno, onorare gli impegni presi e non ricevere non solo il compenso economico pattuito, ma nemmeno il rispetto che dovrebbe essere alla base di qualsiasi rapporto civile.
E’ logorante, oltreché offensivo!

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *